libri classifica 2017

I libri più venduti nel 2017: i romanzi a sfondo storico in cima alla classifica

Quali sono stati i libri più venduti nel 2017? Il fantasy sembra non voler mollare il podio della classifica dei libri più venduti. Se infatti nel 2016, in cima alla vetta trovavamo Harry Potter e la Maledizione dell’Erede, ennesimo romanzo della saga intorno alle avventure del maghetto nata dalla penna di J.K. Rowling, il 2017 vede un altro fantasy conquistare il podio: il Trono di Spade.

Secondo la classifica pubblicata sul sito internet dello store di libri online di proprietà del gruppo editoriale Mondadori, in cima alla vetta troviamo lo scrittore Ken Follet con La colonna di fuoco. A seguire troviamo invece l’autore dei romanzi ai quali si è ispirata la serie tv più seguita di sempre, Il trono di Spade. Libro primo delle Cronache del ghiaccio e del fuoco. Ediz. speciale. 1: Il trono di spade-Il grande inverno. Dal 2011 al 2015 i romanzi hanno portato nelle tasche del suo autore ben 51 milioni di sollari.

L’ultimo gradino del podio è invece occupato dal romanzo giallo di Antonio Manzini, Pulvis et umbra, pubblicato da Sellerio.

La classifica continua ancora con un altro romanzo della saga il trono di Spade, più precisamente il libro terzo (Tempesta di spade-I fiumi della guerra-Il portale delle tenebre). Posizione numero cinque per Roberto Emanuelli, con il suo em>E allora baciami. La sesto posto troviamo Nicholas Sparks co0n il suo romanzo La vita in due. Settimo posto della classifica per Dan Brown e il romanzo dal titolo Origin. Sempre nella top ten un altro romanzo del Il Trono di Spade: ottava posizione per il libro quarto delle Cronache del ghiaccio e del Fuoco. In nona posizione troviamo invece il libro quinto, sempre delle Cronache del Ghiaccio e del Fuoco.

La classifica Mondadori, vede in fondo ai dieci libri più venduti il romanzo Noi siamo tutto di Yoon Nicola.

libri da leggere

Libri da Leggere: consigli dalla redazione

Ci sono libri che vanno letti, di quelli che bisogna leggere assolutamente almeno una volta nella vita. E poi ci sono i libri di una vita, che magari sono anche gli unici che abbiamo letto nella vita. Di questo però poco importa.

Pensiamo poi a chi i libri li scrive: anni e anni chini tra fogli e manoscritti, oppure pochi mesi sotto le pressioni dell’editore, impegnati nel creare uno di quei libri da leggere assolutamente, magari uno di quelli che, chissà, diventeranno classici della letteratura oppure un best seller, presente nella classifica libri da leggere per settimane oppure mesi. Ma anche di questo poco importa.

Non ci importa né quanti libri abbiate letto, né quanti abbiate provato a scriverne, pubblicato o rimasti chiusi in un cassetto: quello che ci piacerebbe conoscere è quale è stato il libro della vostra vita.

Ebbene sì, esistono libri che somigliano un po’ al primo amore: per quanti libri possiamo leggere nessuno di questi somiglierà mai al nostro libro.

Oggi, in redazione, proviamo ad elencarvi i libri della nostra vita, quelli che ne hanno fatto parte e che un po, forse, l’hanno cambiata o influenzata.

L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio

Hakuri Murakami

copertina libro

Un abbandono, lacerante da parte degli amici. Senza nessuna spiegazione.

Un percorso di rinascita non semplice ma riuscito. Tazaki Tsukuro è un adolescente introverso e riservato, che trova nei suoi amici un punto di riferimento essenziale. Un giorno riceve una chiamata: non dovrà cercare i suoi amici. La depressione che lo colpisce lo poterà al suo totale annullamento. Sarà l’incontro con Tsukuro a guidarlo nel suo percorso di rinascita.

Il gabbiano Jonathan Livingston

Richard Bach

copertina gabbiano jonathan livingston

Volare è il principale desiderio del gabbiano Jonathan e vuole impegnardi al massimo per riuscirvi nel migliore dei modi possibili. Per lui volare, a differenza di tutti gli altri gabbiani del suo stormo, lo Stormo Buonappetito, non è un semplice strumento per procurarsi cibo e sopravvivere. L’esilio e l’allontanamento non fermeranno il gabbiano, che alla fine vedrà riconosciuti i suoi sforzi e l’incontro con l’alterità lo porterà a raggiungere la perfezione.