veduta mare capri

Capri: dove anche gli Dei sono VIP

 

Di isole belle al mondo ce ne sono tante ma Capri ha un fascino particolare che la rende unica.
Molti l’hanno definita come una sirena pigramente adagiata nel Golfo di Napoli ma, al di là di valutazioni soggettive, è un dato di fatto che l’isola regala emozioni capaci di stupire ogni turista.
I punti focali di Capri sono rappresentati dalla piazzetta più famosa al mondo, dove si riunisce il mondo dei VIP in vacanza; dai Faraglioni che la identificano in modo inoppugnabile; dalla Villa di Tiberio Imperatore dalla quale si evince che sin dall’antichità l’isola era apprezzata per la sua bellezza; dalla meravigliosa Grotta Azzurra che la rende popolare anche nei confronti di un turismo mordi-e-fuggi che non perde occasione per visitarla anche se solo per una giornata.

Capri e gli imperdibili appuntamenti

Il modo migliore per godere delle bellezze di Capri è quello di prenotare un noleggio di barche a vela per vacanze da sogno come dei veri VIP.
Con una comoda imbarcazione, si può circumnavigare l’isola appropriandosi di panorami unici, visti da un punto di osservazione sicuramente molto speciale e per raggiungere delle piccole e solitarie baie dove lasciarsi baciare dai raggi del sole prima di una nuotata rinfrescante.

Durante una escursione a Capri, ci sono degli appuntamenti che sono imperdibili a cominciare da quello di ammirare i Faraglioni che si trovano poco al largo della costa. Si tratta di tre grandi massi granitici (il più alto è di circa 110 metri) che emergono dal profondo blu del mare, di cui quello situato nel mezzo è caratterizzato da una grotta naturale che può essere attraversata con la barca. L’etimologia della parola ‘faraglioni’ la si deve a quella greca ‘pharos’ dal momento che nell’antichità, proprio su queste rocce venivano accesi dei fuochi per indirizzare la navigazione di notte. Non tutti sanno che le tre rocce hanno un proprio nome: Saetta, Stella e Scopolo. In quest’ultimo, così come sulla cima del Monte Solaro, si trovano gli unici esemplari di Lucertola Azzurra che esistono sulla terra.

Il mare è ovviamente la sede di un’altra attrazione che richiama migliaia di turisti curiosi di visitare la Grotta Azzurra di Capri.
Conosciuta fin dai tempi di Tiberio che ordinò la costruzione di un passaggio che dalla sua villa portava all’interno della grotta, questa è famosa per via del color blu fosforescente delle sue acque, generato dai raggi del sole che si riflettono sul fondale chiaro, formando una tonalità di un celeste cangiante. L’entrata avviene con delle piccole barche a forma di guscio condotte da un marinaio che, guadagna l’ingresso contrastando le onde del mare e poi afferrando una catena ancorata ad una parete interna e ‘guidando’ la barchetta in quel modo. Essendo l’apertura alta solo un metro, è necessario sdraiarsi sul fondo dell’imbarcazione al fine di permettere l’entrata per poi godere di uno spettacolo davvero unico al mondo.

Meraviglie tra profumi di limoni e di mare

Villa Jovis fu voluta da Tiberio, imperatore di Roma, e dedicata al padre degli Dei: Giove.
E’ una splendida testimonianza della Roma imperiale meglio conservata in tutto il Mediterraneo. Pur non essendo l’unica villa di Tiberio su quest’isola è sicuramente la più imponente, dal momento che occupa ben sette chilometri quadrati ubicati sulla parte estrema di un promontorio dal quale è possibile godere della vista di Ischia, Procida, il Golfo di Napoli e della costa del Cilento.
Risalente al I° secolo a.C. fu residenza imperiale per 12 anni.
Non sarebbe una vacanza a Capri se non si decide di degustare un aperitivo o il tradizionale caffè, sulla celebre Piazzetta, vero snodo della mondanità (originale e non) che vive la dolce vita dell’isola. E’ il fulcro di Capri paese dalla quale partono le principali vie tra le quali l’affollatissima via Camerelle dove si aprono boutique e negozi per lo shopping.

Ultimo appuntamento è quello con Anacapri, alle pendici di Monte Solaro. Meno trafficata e più elitaria, la piccola cittadina merita di essere visitata anche perché qui si trova una delle più significative chiese in stile barocco, San Michele Arcangelo.