odore dell'india- fiori

L’odore dell’India, Pier Paolo Pasolini

L’Odore dell’India raccoglie il resoconto del viaggio in India effettuato da Pasolini nel 1960, in compagnia di Elsa Morante e Alberto Moravia. È il primo viaggio di Pasolini in India e già dal titolo dell’opera possiamo capire quale sia stato il modo in cui l’autore vive la sua esperienza nel sub continente indiano.

Giume Gange India

Pasolini non è mai stato in India e questa è per lui un’esperienza del tutto nuova. L’india è così per lui una cascata di sensazioni, suggestioni, impressioni, che vengono vissute a pieno e con passione.

Quello che traccia Pasolini è una sorta di analisi geografica e geografica, trasformandosi in un osservatore attento ai costumi e condizioni di vita degli indiani, dell’enorme influenza e controllo che la religione esercita sulle vite di quel popolo. Aneddoti e racconti permeano nella scrittura di Pasolini e la guidano. A differenza di Moravia, il quale racconterà la sua personale visione dell’India in Un’idea dell’India, quella di Pasolini è una scrittura più emotivamente coinvolta, guidata da un senso di empatia verso la popolazione indiana, sempre disponibile. Disponibilità che Pasolini associa all’influenza della religione Indù. Ed è proprio questo l’aspetto che colpisce maggiormente lo scrittore: più della sporcizia, della povertà e del caos – che pur vi sono – è il sorriso degli indiani, il loro essere docili, gli sguardi ridenti. E alla fine è questa l’immagine dell’India che Pasolini traccia.

India-animale-sacro

Nelle sue passeggiate notturne, Pasolini riesce a cogliere quegli aspetti più intimi e profondi dell’India, scovati e analizzati quando tutti gli altri dormono, compreso il suo compagno di viaggio Moravia. Gli incontri avvenuti in quelle passeggiate diventano quindi spunto per numerose riflessioni: morte, cultura, religione, l’ideale indiano della bellezza. Tra i ritratti e gli incontri descritti da Pasolini, colpisce sicuramente quello con Madre Teresa di Calcutta, della quale ci offre un ritratto tragico, legato e influenzato anche dal contesta in cui si trova ad operare la suora.